Certificazione UL®-CSA® quadri elettrici - Come certificarsi e Costi

Cosa offriamo

UL e CSA sono certificazioni di prodotto che attestano la conformità degli articoli elettrici ed elettronici alle norme o requisiti essenziali di sicurezza. In particolare possono essere applicate su apparecchiature IT e di telecomunicazione, dispositivi medici e di laboratorio, componenti industriali di controllo, motori, cavi e fili, quadri elettrici, apparecchi di illuminazione, macchine per la preparazione e/o cottura degli alimenti, plastiche, apparecchi per uso domestico e commerciale.

Esse si differenziano sostanzialmente in:

  • “UL/CSA Classified” per articoli sottoposti a test per specifiche proprietà, analisi di rischi e idoneità all’uso;
  • “UL Listing Mark” per campioni rappresentativi del prodotto sottoposti a test e a valutazioni secondo le norme di sicurezza statunitensi;
  • “UL/CSA Recognized” per i componenti che sono parte di un prodotto più grande o di un sistema.
  • “UL-Eu” è il marchio europeo che, combinato all’UL americano, attesta l’adempimento del prodotto alle normative dei mercati Europeo e Nord Americano, con il vantaggio ulteriore di essere rilasciato da un unico organismo riconosciuto.

Le norme sono volontarie, ma rappresentano un importante elemento di distinzione che consente una facile identificazione dei prodotti come affidabili. Da ricordare che per quanto riguarda la sicurezza, Paesi quali USA e Canada sono molto sensibili ai rischi legati all’incendio e alle esplosioni di un prodotto. Da qui un’accortezza particolare verso quadri elettrici e relativi cablaggi.

Per avere un’idea della riconoscibilità del marchio, si consideri che sono decine di migliaia le aziende che commercializzano oggi sul mercato prodotti certificati UL e CSA, mentre milioni di queste marcature vengono applicate ogni anno su altrettanti prodotti. Avere un prodotto marcato UL e/o CSA permette inoltre di limitare eventuali scrupolosi ed approfonditi controlli da parte delle autorità competenti.

Ciascuno dei marchi può essere rilasciato per il solo Canada o solo per USA o per entrambi i paesi


Parla con un esperto

Chiamaci ADESSO o lascia un messaggio nella chat. Servizio attivo dal lun. al ven.


Garantisci la conformità dei tuoi prodotti elettrici ed elettronici alle norme americane e canadesi sulla sicurezza

Clicca il bottone qui sotto, ed entra in contatto oggi stesso con noi.


Gli step del nostro intervento

Come avviene un iter di certificazione? Di solito prevede:

  1. inquadramento generale normativo del prodotto o dei prodotti da certificare. n.b. da notare che queste marcature si differenziano dalle Direttive Europee in quanto uno stesso manufatto può ad esempio ricadere su due normative diverse a seconda della sua destinazione d’uso (es. un forno elettrico se venduto al consumatore privato o in un hotel)
  2. analisi tecnica preliminare documentale di pre-compliance, finalizzata a valutare, normativa di riferimento alla mano, se da un punto di vista costruttivo/progettuale il prodotto è costruito secondo le prescrizioni previste (es. con plastiche idonee, cavi elettrici riconosciuti, distanze mantenute, ecc.)
  3. certificazione vera e propria, secondo le modalità prescelte (es. Single Unit nel caso della certificazione di un lotto, Listing nel caso della certificazione aziendale, ecc.)

Per quanto riguarda tempi e costi, dal momento che:

  1. le competenze per i punti 1 e 2 sono piuttosto rare in Italia (pochi infatti sono gli Advisor qualificati, tra questi da segnalare ovviamente QualityNet srl),
  2. gli Organismi di Controllo autorizzati si contano sulle dita di una mano

I costi si aggirano su alcune migliaia di euro, a seconda di quanti, quali prodotti certificare e secondo quale schema si sceglie. Idem per quanto riguarda i tempi, che in media si aggirano comunque da due mesi in su.


Parla con un esperto

Chiamaci ADESSO o lascia un messaggio nella chat. Servizio attivo dal lun. al ven.

Se sei titolare di un’Azienda che realizza prodotti elettrici ed elettronici e necessiti che questi vengano esportati in USA e Canada?

Contattaci ADESSO

Le domande piu’ frequenti – FAQ

Quali sono le peculiarità del mercato del Nord America

Identificato con Canada e Stati Uniti è molto interessante per un costruttore di quadri elettrici industriali italiano perché l’Italia ha una consolidata tradizione di costruttori di macchinari e impianti, e quindi dei relativi quadri elettrici. Il mercato Nord America è circa 5 volte quello Italiano con un PIL pro-capite superiore. L’Italia è un paese fornitore di quadri elettrici industriali anche per altri paesi europei (es. Germania) che li incorporano in macchinari ed impianti destinati oltreoceano.

E’ possibile fornire al mercato Nord America un quadro elettrico marchiato CE?

A differenza di quanto spesso si crede non è possibile fornire un quadro elettrico costruito secondo le norme europee perché pur essendo un prodotto sicuro e di qualità non rispetta i requisiti tecnici obbligatori in USA e in Canada dove valgono altre normative e codici che rendono non conformi i quadri costruiti per il marchio CE con conseguenze dannose per il costruttore in caso di contenzioso.

Che caratteristiche deve avere un quadro elettrico per il mercato Nord America

Un quadro elettrico destinato al Nord America deve essere progettato, costruito e installato secondo le normative, i codici elettrici ed eventuali regolamenti locali validi nel luogo di installazione. 

Il marchio UL® è obbligatorio?

Al contrario di quanto si ritiene comunemente il marchio UL® non è obbligatorio, tranne alcuni casi particolari negli USA. L’obbligo è quello di fornire un prodotto sicuro, rispondente alle norme applicabili, ai codici nazionali e ai regolamenti locali.

Se il marchio non è obbligatorio perché mi viene chiesto dal mio committente?

La conformità ai requisiti di normativa, codice o regolamento si verifica mediante una ispezione da parte dell’autorità locale in sede di installazione. La presenza sul quadro del marchio, evidenziata dalla targhetta di approvazione, di un ente riconosciuto velocizza l’ispezione e l’approvazione del macchinario o dell’impianto. Quindi il marchio apposto da uno degli enti accreditati è il modo migliore, più veloce e sicuro per dimostrare la conformità.

Il marchio UL ® vale in USA e quello CSA ® in Canada?

In USA, così come in Canada, ci sono diversi enti riconosciuti e accreditati, UL® e CSA® sono i più noti ma anche altri come INTERTEK®, MET®, QPS® ad esempio, possono rilasciare la conformità per entrambi i paesi in base alle normative applicate durante la verifica.  A volte la scelta di un ente oppure di un altro può dipendere da quale ente il committente ha scelto per certificare l’intero impianto, in tal caso per comodità è bene avvalersi dello stesso ente.

Se ho usato materiali e componenti marchiati UL® posso mettere il marchio sul quadro?

L’utilizzo di materiali marchiati per il mercato Nord America è una condizione necessaria per la conformità del quadro ma non basta. I componenti devono essere omologati per la specifica applicazione e la costruzione del quadro deve uniformarsi alle normative, ai codici e agli eventuali regolamenti locali. L’apposizione del marchio sul quadro (il cosiddetto labelling) può essere fatto solo da un ispettore dell’ente prescelto a seguito di una verifica.

Posso utilizzare componenti non omologati/marchiati nel quadro?

In alcuni casi è possibile utilizzare componenti non omologati (esempio schede elettroniche custom) dipende da come vengono utilizzate ma deve essere fatta un’analisi ad hoc.

Le normative sono diverse tra USA e Canada?

Sì le normative tecniche, ma anche i codici elettrici ed eventuali regolamenti locali, sono differenti tra i due paesi anche se molto simili. In sede di verifica vengono utilizzate le normative applicabili nel luogo d’installazione.

Quali sono le principali differenze costruttive rispetto a un quadro CE?

Le principali differenze riguardano la classificazione degli involucri che in Europa segue il “Grado IP” mentre in Nord America il “NEMA Type”. Diverse anche le regole costruttive per il dimensionamento dei cavi, che hanno sezioni standard diverse espresse in AWG, le distanze d’isolamento, le modalità di protezione da cortocircuito, i dati da indicare sugli schemi e in targa dati, il dimensionamento dell’interruttore generale e la sua tipologia per citare i principali elementi da valutare in sede di progetto e di costruzione in base anche alla tipologia di quadro.

Come avviene in pratica l’omologazione?

L’iter inizia con richiesta di quotazione fornendo uno schema di massima e le informazioni riguardo il luogo d’installazione. Avviato il processo si prende in esame lo schema elettrico per verificare la rispondenza ai requisiti di norma e validare la lista componenti. Si costruisce il quadro che viene sottoposto ad ispezione e viene etichettato dall’ispettore dell’ente.

Ho fatto approvare un quadro elettrico, se ne costruisco uno identico posso duplicare il marchio?

L’approvazione di un quadro vale per quello specifico oggetto e non può essere duplicata in autonomia, ma è necessario che venga fatta un’ispezione del nuovo quadro e apposta una nuova etichetta con il marchio. Se il quadro è identico ad uno già approvato, dallo stesso ente, alcuni aspetti di verifica si semplificano.

Costruisco quadri elettrici di automazione industriale e per ogni commessa il mio circuito è diverso come posso fare?

In automazione industriale è normale che ogni commessa abbia delle specificità che rendono impossibile fare una certificazione di tipo, a differenza invece di chi costruisce ad esempio elettrodomestici e può fare una omologazione di tipo.

Le ispezioni avvengono di volta in volta sullo specifico quadro da certificare ma è possibile, entro certi limiti, qualificare l’azienda secondo un programma specifico per i costruttori di quadri. Le aziende che, dopo un processo di istruzione e verifica, si sono qualificate possono operare in autonomia e apporre l’etichetta con il marchio senza l’intervento dell’ispettore il quale effettua il controllo mediante visite ispettive periodiche in genere ogni tre mesi.

Costruisco i quadri elettrici di automazione ma eseguo anche il bordo macchina devo seguire regole particolari?

I quadri elettrici in generale seguono la normativa “Industrial Control Panels” che prevede già delle varianti specifiche per quadri elettrici per gru, elevatori, irrigazione ed altri tra cui anche il Macchinario industriale (Industrial Machinery).

L’equipaggiamento elettrico di bordo macchina però non fa in genere parte del quadro elettrico sebbene vi sia una forte integrazione si ain fase di progetto che di realizzazione, il riferimento specifico è lo standard sull’equipaggiamento di macchina (Electrical Standard for Industrial Machinery) che a sua volta ha implicazioni anche sulle scelte costruttive per il quadro.

UL® è un marchio registrato di Underwriters Laboratory Inc.  CSA®  è un marchio registrato di Canadian Standard Association


Parla con un esperto

Chiamaci ADESSO o lascia un messaggio nella chat. Servizio attivo dal lun. al ven.

Iscriviti alla nostra Newsletter Mensile

Cliccando il bottone “INVIA”, dichiari di accettare la normativa sulla privacy e la nostra policy


Contattaci Adesso

Inserisci qui sotto i tuoi dati in modo che i nostri esperti possano ricontattarti

Dichiaro di accettare la normativa sulla privacy e la nostra policy